Visualizzazioni di pagine: ultimo mese

domenica 27 marzo 2016

Altavia – Vino Rosso “skip intro” n.m.

100% Shiraz – 13.5%




Nel retro etichetta riporta L2008, dal sito di Altavia leggo che ci tratta di Shiraz... in fondo il Rodano non é lontano, almeno in linea d'aria, l'azienda é il vicino di casa di “Terre Bianche” ad Arcagna.

Il vigneto però è a Sanremo, a 200m di altezza, allevato ad alberello da 8500 piante per ettaro, su terreni di marna e sabbie.

Denso nel colore, materico, ne smorza appena la vivacità di rubino pieno, tingendo il bicchiere.

In naso é di pura spezia, netto di pepe, umido di bosco autunnale, il resto fatica ad emergere, ancora avvolto dalla tostatura del legno, azzarderei non piccolo. Cercando si coglie una prugna essiccata, ciliegia candita, più nitide ruotando il bicchiere.

L'attacco al palato é dolce, con un frutto che si é fatto più scuro e più piccolo, ha un equilibrio che non mi sarei aspettato, tanto carico nel colore e nei profumi. Così come non mi sarei aspettato un tannino così soffice.

Mi piace questa saporosità ben definita, che nonostante tutto riscalda appena il fondo della gola, dopo averla abbracciata a lungo, diventando via via più fresco.

Ne verso appena un altro goccio, il bicchiere é ormai vuoto, e come per magia il legno non é più protagonista, é arretrato di qualche passo lasciando il posto ad un profumo che riconduco alla cassetta di minerali che avevo da piccolo.

L'odore della pirite, quel misto di zolfo e di ferro, il ricordo di una terra scaldata dal sole spazzata dall'aria salata del mare così vicino...




Bella bottiglia, da 85 punti, gradito regalo di una mia corsista 


Nessun commento:

Posta un commento