Visualizzazioni di pagine: ultimo mese

domenica 11 settembre 2016

Hugel et fils – Alsace AOC Tokai Pinot Gris 1995

100% Pinot Gris – 12.5%


25 anni in bottiglia, il tappo mi ha fatto impazzire, é andato in vantaggio 2-0 poi quantomeno sono riuscito a pareggiare... ma questa storia la racconto alla fine e comunque ne è valsa la pena.

Che non fosse un liquido morto ce n'eravamo accorti subito, dal colore di metallo antico ma lucido, si vedeva che c'era ancora tanta vita nel bicchiere.

Una vita dolce e matura, fruttata di pesca sciroppata e albicocca disidratata, cremosa di budino, speziata di terra polverosa, liquirizia, orzo e burro fuso.

Una vita che vuole emergere, riaffermarsi e sarà sempre più intensa mano a mano che il vino si riappropria del respiro dell'ossigeno, fino a diventare di intensità penetrante, con un soffio balsamico che pizzica le narici.

Se il naso ha avuto bisogno di alcuni minuti per amplificarsi, nel sorso é invece stato scattante fin da subito, con una sorprendente e decisa freschezza, intrisa di aromi tostati che ricordano gli idrocarburi.

Potrebbe davvero passare per un vecchio Riesling, senza però la minima traccia di dolcezza... pensato senza zuccheri residui a ripudiare la zona da cui proviene, gode ora di una matura morbidezza acquisita negli anni in bottiglia.

Dopo aver fatto intravedere una sensazione di filigrana tannica, lascia in bocca una lunghissima scia saporita di zenzero candito, cannella e chiodi di garofano.

L'ho sorseggiato con piacere in 2 riprese, chiacchierando con Luca e Andrea, aggiungendoci poi uno spicchio di Brunet è poi diventata una bevuta davvero speciale.



Regalo di Thomas Rossi, che ringrazio e metto in guardia sul tappo, visto che ne ha ancora... secco nella metà superiore e completamente fradicio sotto.

Ho provato con il cavatappi a lamelle ed era quasi completamente uscito, quando ho provato ad estrarlo del tutto con la mano, la parte inferiore si é spezzata e la depressione interna l'ha risucchiata dentro.

Lavato e pulito un decanter con un dito di vino, vi ho trasferito il liquido, poi ho spezzato il residuo di tappo rimasto nella bottiglia per poterlo togliere completamente.

Infine... un altro dito di vino per pulire la bottiglia e finalmente ho potuto ritravarsare il Pinot Gris dal decanter al suo contenitore originale.

Nessun commento:

Posta un commento